Zio Vanja debutta al Festival di Spoleto

News

Zio Vanja debutta al Festival di Spoleto

21.06.2023

Leonardo Lidi prosegue al Festival dei Due Mondi di Spoleto la sua trilogia sui capolavori di Anton Čechov. Dopo il successo di pubblico e critica dello spettacolo Il gabbiano, il regista si confronta con un altro grande classico del drammaturgo russo: Zio Vanja, seconda tappa del progetto Čechov che si concluderà nel 2024 con Il giardino dei ciliegi.
Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria insieme al Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale e al Festival di Spoleto, andrà in scena sabato 24, domenica 25 e lunedì 26 giugno al Teatro Caio Melisso – Spazio Carla Fendi. Sul palco (in ordine alfabetico): Giordano Agrusta, Maurizio Cardillo, Ilaria Falini, Angela Malfitano, Francesca Mazza, Mario Pirrello, Tino Rossi, Massimiliano Speziani e Giuliana Vigogna.
“In questa trilogia vedo la possibilità di tornare al senso pratico del teatro – spiega Lidi – deviando gli intellettualismi e scegliendo la semplicità nella sua altezza. Scegliendo uno spazio. Scegliendo l’empatia e non una bolla elitaria. Scegliendo l’amore e il dolore che comporta questa opzione ma soprattutto scegliendo gli attori come forma d’arte e come pietra preziosa da difendere nel teatro italiano del nostro tempo”.
Dalle note di regia. “C’eravamo tanto amati. La seconda tappa del Progetto Čechov abbandona il gioco e si indurisce nel tempo. Spazza via i contadini che citano Dante a memoria per consentire un abuso edilizio ambizioso e muscolare. C’era un grande prato verde dove nascono speranze e noi ci abbiamo costruito una casa asfissiante con troppe inutili stanze a occupare ogni spazio vitale. Avevamo sfumature e ora c’è un chirurgico bianco e nero che strizza l’occhio allo spettatore intelligente. Avevamo donne e uomini che cercavano la vita attraverso l’amore ma abbiamo preferito prenderne le distanze. Quando? Quando è diventato troppo poco parlare d’amore? Come se poi ci fosse qualcos’altro di interessante. Il cuore si è tinto di nero e questa possibile colorata commedia si è trasformata in una dissacrante e continuata risata isterica ad un funerale. L’idea di un paese guidato dai suoi pensatori è sepolta e noi non possiamo che fare i conti partendo da questo inesorabile dato di fatto. Questa casa è culturalmente morta, governata da ignoranti e da sterili ideologie. Ce lo ricorda lo Zio, quel buffone vestito male che palpa con gli occhi le nostre fidanzatine e aspetta le riunioni di famiglia per alzare il gomito e sbatterci in faccia la nostra condizione perennemente umiliante. Inutile lavorare, inutile impegnarsi, inutile studiare. Meglio aspettare un reddito senza sudare, meglio lamentarsi di chi ha distrutto il talento”. Leonardo Lidi



Altre News

Leggi tutte le news

Vai

Anticipo spettacolo “IL GIUOCATORE” –…

Il Comune di Gubbio e il Teatro Stabile dell’Umbria comunicano agli spettatori e agli abbonati della Stagione 23/24 del Teatro Comunale Luca Ronconi che, per esigenze della Compagnia, lo spettacolo IL GIUOCATORE,…

01.03.2024

Rinvio spettacolo “VENERE NEMICA” –…

Per motivi di salute dell’artista Drusilla Foer, lo spettacolo VENERE NEMICA, in programma sabato 16 marzo al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti di Spoleto, è RINVIATO a domenica 28 aprile alle ore 20.45. I biglietti acquistati per il…

28.02.2024

SPETTACOLO ANNULLATO “SEEKING UNICORNS”

Lo spettacolo Seeking unicorns, in programma negli spazi del CAOS di Terni domenica 11 febbraio, È ANNULLATO per motivi organizzativi. INFORMAZIONI Per ricevere il rimborso del biglietto si dovrà fare riferimento al…

25.01.2024

SOTTO IL SOTTO DEL BOSCO…

Workshop gratuito condotto da Chiara Bersani rivolto a persone con disabilità motoria. Sono stata una bambina disabile, spesso immobilizzata. Venivo posta in un punto dello spazio, lasciata lì per molto…

24.01.2024