ZORRO

ZORRO

un eremita sul marciapiede

di Margaret Mazzantini

DURATA 1 ora e 20

Uno spettacolo con protagonista Sergio Castellitto che ritorna sulle scene dopo circa vent’anni, un vagabondo che ripercorre la storia della sua vita e delle scelte che lo hanno portato a vivere sulla strada e nel mentre riflette sul significato della vita. Un uomo ai margini della società capace di vedere la realtà osservando la vita delle persone “normali”. Capace di restituire attraverso una sorta di “filosofare” allegro e indefesso il “sale della vita”, la complessità e l’imprevedibilità dell’esistenza.
Uno spettacolo tragicomico ed emozionante.

“Stanno sul margine del grande fiume, intenti come pescatori in attesa. Pescano nel nostro vortice quello che rimane, quello che schizza via, che gli appartiene per diritto. Hanno quegli odori concentrati, essenza d’uomo, come mosto, come seccume marino, roba sfinita dal sole o macerata dall’umido, roba che fa il suo corso. Zorro mi ha aiutato a stanare un timore che da qualche parte appartiene a tutti. Perché dentro ognuno di noi, inconfessata, incappucciata, c’è questa estrema possibilità: perdere improvvisamente i fili, le zavorre che ci tengono ancorati al mondo regolare. Chi di noi in una notte di strozzatura d’anima, bavero alzato sotto un portico, non ha sentito verso quel corpo, quel sacco di fagotti con un uomo dentro, una possibilità di se stesso? I barboni sono randagi scappati dalle nostre case, odorano dei nostri armadi, puzzano di ciò che non hanno, ma anche di tutto ciò che ci manca. Perché forse ci manca quell’andare silenzioso totalmente libero, quel deambulare perplesso, magari losco, eppure così naturale, così necessario, quel fottersene del tempo meteorologico e di quello irreversibile dell’orologio. Chi di noi non ha sentito il desiderio di accasciarsi per strada, come marionetta, gambe larghe sull’asfalto, testa reclinata sul guanciale di un muro? E lasciare al fiume il suo grande, impegnativo corso. Venirne fuori, venirne in pace. Tacito brandello di carne umana sul selciato dell’umanità. Perché i barboni sono come certi cani, ti guardano e vedi la tua faccia che ti sta guardando, non quella che hai addosso, magari quella che avevi da bambino, quella che hai certe volte che sei scemo e triste. Quella faccia affamata e sparuta che avresti potuto avere se il tuo spicchio di mondo non ti avesse accolto. Perché in ogni vita ce n’è almeno un’altra”. Margaret Mazzantini


con Sergio Castellitto
regia Sergio Castellitto
aiuto regia Francesca Primavera
organizzazione generale Marco Micci
responsabile di produzione Rosa Burgio
produttore Angelo Tumminelli  

consulenze amministrative e del lavoro Marco Tomassetti – Roma
distribuzione dello spettacolo Giovanni Vernassa e Laura Beni per ESSEVUTEATRO NEW srl
spettacolo realizzato con il sostegno di Banca Intesa Sanpaolo
un particolare ed affettuoso ringraziamento a Stefano Lucchini
produzione Prima International Company 2022





Stagioni precedenti

— Teatro Cucinelli - Solomeo, da Sab 2 Apr a Lun 4 Apr