Una pura formalità

Una pura
formalità

Produzione Compagnia Mauri Sturno

versione teatrale e regia Glauco Mauri
dal film di Giuseppe Tornatore
con Glauco Mauri e Roberto Sturno
e con Giuseppe Nitti, Amedeo D'Amico, Paolo Benvenuto Vezzoso, Marco Fiore
scene Giuliano Spinelli
costumi Irene Monti
musiche Germano Mazzocchetti

una produzione Compagnia Mauri Sturno
in coll.ne con Fondazione Teatro della Pergola

Bellissima trasposizione teatrale del film capolavoro di Giuseppe Tornatore, di cui erano protagonisti Gérard Depardieu e Roman Polanski, con un giovanissimo Sergio Rubini. “Dal confronto con il film escono magnifici i due attori dello spettacolo. Glauco Mauri, che è anche il regista, appare splendido – per lucidità, per energia, per sottigliezza. Quasi ci costringe a ricrederci sulla plausibilità dell’ispettore del falso thriller. Sembra un vero ispettore, un po’ sornione, un po’ beffardo. Certo, il personaggio dello scrittore che s’è suicidato appare più difficile, più convenzionale, eppure Roberto Sturno, riesce a conferire a costui, non solo un corpo, ma a tratti perfino un’anima. Più passa il tempo, più Sturno matura e si avvicina alla grandezza di Mauri.” Franco Cordelli, Corriere della Sera


versione teatrale e regia Glauco Mauri
dal film di Giuseppe Tornatore
con Glauco Mauri e Roberto Sturno
e con Giuseppe Nitti, Amedeo D’Amico, Paolo Benvenuto Vezzoso, Marco Fiore
scene Giuliano Spinelli

costumi Irene Monti
musiche Germano Mazzocchetti una produzione Compagnia Mauri Sturno
in coll.ne con Fondazione Teatro della Pergola





Stagioni precedenti

— Teatro Mengoni - Magione, Dom 10 Gen