Nessuna pietà per l’arbitro

Nessuna pietà
per l’arbitro

Produzione Centro Teatrale MaMiMò

di Emanuele Aldrovandi
con Filippo Bedeschi, Luca Mammoli, Federica Ombrato, Alessandro Vezzani
regia Marco Maccieri e Angela Ruozzi
scene Antonio Panzuto
disegno luci Silvia Clai
costumi Rosa Mariotti
con la consulenza scientifica del prof. Marco Giampieretti

produzione Centro Teatrale MaMiMò

Una parabola teatrale contemporanea in cui una tipica famiglia italiana del 2016, gioca a basket e nel frattempo si interroga sul senso delle leggi e sui valori che regolano le proprie scelte. Le leggi si possono accettare come strada per costruire un mondo migliore, questo pensa Giuseppe, il Padre; possono essere sfruttate a proprio favore per il successo personale, questo pensa la Moglie; oppure sono un obbligo dettato dall’alto a punire l’espressione dell’io individuale, questo pensa il Figlio. A cosa servono le leggi? I principi fondanti dai nostri padri costituenti sono ancora validi per noi? E noi potremmo scriverne di nuovi e migliori? La famiglia in scena, in assenza di un’immagine condivisa di futuro da consegnare “ai propri figli”, si “suicida” di un’abbondanza di conquiste personali. Ed è proprio l’arbitro, rappresentante della legge, a pagarne le spese. La vicenda famigliare e il problema “arbitro” diventa pretesto per sviluppare i conflitti etici: individualismocollettività, potere-anarchia, potere-libertà, utilitarismo-bene comune, giusto-utile. Un percorso che ci sprona a interrogarci sulla natura del tempo presente e sulla necessità o meno di migliorarlo attraverso una visione condivisa di futuro.


di Emanuele Aldrovandi
con Filippo Bedeschi, Luca Mammoli, Federica Ombrato, Alessandro Vezzani
regia Marco Maccieri e Angela Ruozzi
scene Antonio Panzuto
disegno luci Silvia Clai

costumi Rosa Mariotti
con la consulenza scientifica del prof. Marco Giampieretti produzione Centro Teatrale MaMiMò





Stagioni precedenti

— Teatro Mengoni - Magione, Gio 7 Mar