Il gabbiano

Il gabbiano

Progetto Čechov - prima tappa

di Anton Čechov


Leonardo Lidi mette in scena un altro grande classico: Il gabbiano, prima tappa di una trilogia su Anton Čechov: Il gabbiano – Zio Vanja – Il giardino dei ciliegi.

 


La Locandina

regia Leonardo Lidi
con (in o.a.) Giordano Agrusta (Semen Semenovič Medvedenko), Maurizio Cardillo (Evgenij Sergeevič Dorn), Ilaria Falini (MaŠa), Christian La Rosa (Konstantin Gavrilovič Treplev), Angela Malfitano (Polina Andreevna), Francesca Mazza (Irina Nikolaevna Arkadina), Orietta Notari (Petr Nikolaevič Sorin), Tino Rossi (Il’ja Afanas’evič Šamraev), Massimiliano Speziani (Boris Alekseevič Trigorin), Giuliana Vigogna (Nina Michajlovna Zarečnaja)
scene e luci Nicolas Bovey

costumi Aurora Damanti
suono
Franco Visioli
assistente alla regia Noemi Grasso
foto Gianluca Pantaleo
produzione Teatro Stabile dell’Umbria, Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale
in collaborazione con Spoleto Festival dei Due Mondi  

Info

DURATA 1 ora e 50

ph. Gianluca Pantaleo


Ne Il gabbiano l’autore sembra interrogarsi sulla differenza tra Simbolismo e Realismo, sul senso critico del teatro rispetto al suo pubblico, ma alla fine – contro ogni pronostico – arriva la vita.
“Un Gabbiano viene ucciso per la mano vigliacca di un giovane in riva al lago e, se potesse parlare, avrebbe tutto il diritto di chiedere al suo assassino, il giovane Konstantin, il perché di tanta ingiustificata cattiveria.
E Konstantin potrebbe balbettare qualcosa sulla sua infelicità e su quanto non sia corrisposto dalla giovane Nina. Qualcosa tipo: io voglio lei, lei non vuole me e io mi prendo il diritto di ucciderti, spararti, ferirti, perché il mio dolore è più importante della tua vita.
Ecco il maledetto amore, alibi e distruttore in un mondo in cui la cattiveria lascia sempre qualcuno a ballare con la scopa.
Non volare più perché uccisi da un amante non corrisposto.
Cechov si commuove delle semplici tenerezze che ci fanno tanto penare. Ci dice che nessuna situazione si può gestire fino in fondo; ci abbraccia raccontandoci che la mania di controllo che tanto ci tranquillizza va mandata lentamente a quel paese. Perché in fin dei conti chi ama è sempre sconfitto e la sconfitta in amore ha una sincerità tale che unisce la gran parte di noi. Come in un lago di pesci confusi”. Leonardo Lidi


Teatro

Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi - Spoleto

Data e Ora

Da Gio 7 Lug a Sab 9 Lug 2022

Teatro

Teatro Morlacchi - Perugia

Data e Ora

Mer 30 Nov 2022 - 20:45

Teatro

Teatro Morlacchi - Perugia

Data e Ora

Gio 1 Dic 2022 - 19:30

Teatro

Teatro Morlacchi - Perugia

Data e Ora

Ven 2 Dic 2022 - 20:45

Teatro

Teatro Morlacchi - Perugia

Data e Ora

Sab 3 Dic 2022 - 18:00

Teatro

Teatro Morlacchi - Perugia

replica audiodescritta / progetto Cultura No Limits

Data e Ora

Dom 4 Dic 2022 - 17:00

Teatro

Teatro Storchi - Modena

Data e Ora

Da Gio 8 Dic a Dom 11 Dic 2022

Teatro

Teatro Carignano - Torino

Data e Ora

Da Mar 13 Dic a Dom 18 Dic 2022

Teatro

Teatro Vascello - Roma

Data e Ora

Da Mar 28 Feb a Dom 5 Mar 2023



Video