7 Minuti

26 Novembre 2014

Alessandro Gassmann mette in scena undici attrici, di cui quattro umbre, per 7 MINUTI di Stefano Massini. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria insieme a Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro Stabile Del Veneto.

Ottavia Piccolo, Eleonora Bolla, Paola Di Meglio, Silvia Piovan, Balkissa Maiga, Cecilia Di Giuli, Olga Rossi, Stefania Ugomari Di Blas, Arianna Ancarani, Stella Piccioni e Vittoria Corallo danno vita a undici donne, nostre contemporanee, che formano il Consiglio di Fabbrica al centro della vicenda. Undici donne in balia della paura di perdere il lavoro, costrette a uno sforzo eroico di raziocinio per non cedere alla legge della necessità che la dirigenza della loro fabbrica tenta di usare come strumento di un tacito ricatto, per offuscare la loro dignità e indebolire i diritti acquisiti.

Questo il nucleo quanto mai attuale di 7 MINUTI, la cui vicenda ispirata a una storia vera ha esercitato un eguale potere sia su Stefano Massini che su Alessandro Gassmann. L’autore scrive: “Ci sono storie che ti vengono a cercare. Sembra che facciano davvero di tutto per essere raccontate, per essere scritte. Una di queste ha raggiunto e conquistato me, ed ha a che fare con le operaie tessili di Yssingeaux, nell’Alta Loira. Il fatto di cronaca risale al gennaio 2012, e ha riempito i giornali d’Oltralpe: d’altra parte poteva passare inosservato quel braccio di ferro così spietato fra le dipendenti – tutte donne – di uno dei massimi colossi industriali francesi e i nuovi dirigenti subentrati al controllo?”.

Così Gassmann: “7 MINUTI di Stefano Massini, basato su un episodio realmente accaduto in una fabbrica francese è, in questo passaggio storico, il testo che andavo cercando. Parliamo di lavoro, di donne, di diritti, lo faremo dando voce ed anima a undici protagoniste operaie che ci permetteranno di raccontare con le loro diverse personalità̀, le paure per il nostro futuro e per quello dei nostri figli, le rabbie inconsulte che situazioni di precarietà̀ lavorative possono scatenare.”.

Uno spettacolo di forte tensione morale e di sentita partecipazione, protagonista

Ottavia Piccolo che, ancora una volta al centro di un lavoro di Massini con il quale collabora da più di dieci anni, ha affrontato come sempre con appassionata adesione il suo personaggio, trovando in Gassmann, che incontra per la prima volta, la condivisione di un’intesa artistica ed etica.

Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20, fino al giorno precedente lo spettacolo. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima della recita altrimenti vengono rimessi in vendita.

E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.